LE QUATTRO GIORNATE E GOMORRA

Il 30 settembre di 73 anni fa terminavano le 4 giornate di Napoli, il moto popolare che coinvolse tutta la città contro l’occupazione nazista. Chi ha visto il film di Nanni Loy sull’argomento, si ricorderà come ben vengono rappresentate, anche dal punto di vista dello spettacolo, tutte le varie sfaccettature dell’animo e dei comportamenti dei napoletani. La commozione, la gioia, l’amore, la comicità, la drammaticità, la volgarità, la violenza ma per un giusto fine, ecc. Non sarebbe stato male rappresentare un serial su quell’epoca come fu la saga di Sciuscià per il fumetto. Una lunga serie di avventure concatenate che durarono dal gennaio 1949 al 1955. Invece di tutto ciò ci troviamo, ripetuta più volte, una serie come Gomorra. La differenza è che nel primo caso avremmo visto descritta una Napoli, anche se con i suoi difetti, nobile, differentemente da Gomorra. Qui, molto riduttivamente, viene presentata una sola parte della città facendola comparire come rappresentativa di un popolo intero, con sentimenti, ma certamente molto meno nobili. Non si capisce quindi perché si vuole far vedere sempre la parte meno dignitosa di questa città e per quali lordi scopi. Anche nel campo della canzone pare che non ci sia più di un brano che ricordi gli avvenimenti del ’43. UN VERO PECCATO. Speriamo nel futuro sia per la canzone che per la TV.

‘E QUATTE JURNATE
Erene l’urdeme d’ ‘o mese ‘e settembre,
quanne facetteme ‘sti quatte jurnate,
‘nu mote ‘e popule spuntanie e innucente,
‘na storia vere ‘e chesta città.
‘O Vommere sparaine e primme colpe,
e tanta muorte pe’ chesta libbertà:
ma fuie ‘o signale p’ ‘a pupulazzione,
se ribellaje tutta a città.

‘Nce stevene impiegate,
‘nce stevene sturiente,
tanta operaie
e chi nu’ teneve niente;
a cape nu surdate,
nun se ne sapeve niente
ma fuje ‘a bandiera
pe’ tutta ‘a gente ‘e ccà.

D’ ‘o Vommere scennettere a Tulede,
e pe’ Quartiere ‘e sentive sparà,
verive ‘e tedesche c’abbiavene a scappà
da Furia a Capemonte pe’ tutta ‘a città.
‘O stadie d’ ‘o Vommere, ammanettate,
stevene ‘e prigioniere pigliate cu ‘e retate
ma ‘o tenente Stimolo, a cape ‘e ‘sti guagliune,
cu tantu curagge, ‘e jette a liberà.

Carattere ‘e scugnizze
Gennare cu Filippe,
‘e tridici anne l’une,
cu tante ati guagliune.
E Napule ‘e rricorde,
cu sti ghiurnate ‘e sanghe;
custaje cara a’ città,
finalmente ‘a libertà.

Ascolta il brano “‘E quatte jurnate”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *