I CADUTI DI SANREMO… SAREBBE ORA

I CADUTI DI SANREMO… SAREBBE ORA Sarebbe ora di cambiare le modalità di composizione delle giurie dei Festival e dei Talent musicali rendendole più trasparenti ma particolarmente più professionali. Cioè che la musica sia valutata da musicisti, possibilmente professori di Conservatorio e che i testi siano giudicati da chi ha studiato poesia, cioè professori di […]

Intervista a RaDio Speranza

Domani alle ore 9:30 e alle 19:03 andrà in onda su RaDio Speranza, la radio ufficiale della Diocesi di Pescara, frequenza 87,6, una gentile intervista concessami dai giornalisti Massimiliano Spiriticchio e Annapaola Di Ienno. Ci intratterremo sulle mie canzoni, presentate al Cantafestivalgiro di Mario Serafino ed in particolare “Napule nunn’è” interpretata da Federica Carduccie Giovanni Principe e “Il tempo perduto” interpretata da Andrea Belisari. […]

SI-amo la SI-nistra

SI-amo la SI-nistra. Dalla sinistra che mangiava i bambini a Matteo Renzi. Nel 1974 ero per lavoro a Catanzaro. Per caso conobbi lì un calabrese comunista che mi raccontò un episodio a lui capitato. In una serata di pioggia e vento mentre viaggiava in auto incontra un suo paesano e vedendolo senza riparo lo invita […]

A SI NO

Destra, sinistra e cambiamento. Molti di noi nati negli anni ’40 a ridosso della guerra non hanno sentito vivo il fuoco del ’68 poiché già si lavorava. Quindi siamo venuti su con un concetto scolastico di destra e sinistra. Comunque abbiamo subìto anche noi, per certi versi, la semplificazione di questi concetti che poi ha […]

LE QUATTRO GIORNATE E GOMORRA

Il 30 settembre di 73 anni fa terminavano le 4 giornate di Napoli, il moto popolare che coinvolse tutta la città contro l’occupazione nazista. Chi ha visto il film di Nanni Loy sull’argomento, si ricorderà come ben vengono rappresentate, anche dal punto di vista dello spettacolo, tutte le varie sfaccettature dell’animo e dei comportamenti dei […]

IL CALCIO…..ALLA SQUADRA DEL CUORE

I tradimenti dei calciatori, di cui tanto si parla ora, non dovrebbero angustiarci più di tanto ma della mancata fedeltà dei tifosi sì. Il calciatore è un mercenario, specie ai nostri tempi quando milioni di euro gli passano tra le mani e sulla testa ed è difficile rimanere legati ad un posto o provare sentimenti […]